Quante inesattezze compaiono in rete!

Ovviamente, come in molte riviste e giornali, alcune inesattezze, se non vere e proprie bufale, compaiono come se fossero notizie certe.

Chi legge dovrebbe stare attento alle esattezze delle citazioni e se inoltre se esistono, cioè la fonte d’informazione riportata che dovrebbero essere accanto alla notizia pubblicata, perché sbagliare è umano, ma a volte ciò che viene scritto è volutamente errato.

Naturalmente non mi riferisco ai vari blog dove l’autore dichiaratamente esprime un pensiero personale, tanto soggettivo, quanto provocatorio.

Nei vari blog le citazioni non sono obbligatorie anche al fine di porre in risalto il pensiero, l’idea dell’autore che esprime una sua opinione.

Sono preoccupato rispetto alle informazioni scientifiche, sia strettamente mediche, sia psicologiche e psicoterapeutiche che qualche volta riportano indicazioni sbagliate sulle varie diagnosi senza che sia avvenuta una visita, sia su veri metodi di cura.

Si riportano informazioni sui medicamenti che spesso sono acquistabili via internet e che contengono ingredienti impuri, se non placebo.

Alcuni lettori e lettrici hanno la necessità di fidelizzarsi ad autori che scrivono i quali, con il trascorrere del tempo sono diventati personaggi noti e a brand risonanti.

Questi personaggi hanno acquisito una capacità, anche in buona fede, di suggestionare chi legge.

Esprimono convinzioni e diventano famosi per alcuni lettori i quali prendono alla lettera quel che leggono.

Pensate anche alle diete che vengono suggerite a chi necessita di dimagrire e che contrastano palesemente con alcuni principi di biochimica e comunque non differenziano la soggettività del corpo dei clienti e delle condizioni fisiche di chi assume quel preparato, di chi cucina con quella ricetta strana, senza sapere le intolleranze alimentari.

Ci sono personaggi che diventano famosi per la loro originalità di quel che sembrano prescrivere e suggerire alle persone ingenue svelando un mistero che veniva nascosto.

Le persone ingenue che assorbono tali consigli non richiesti e a volte invece richiesti sono spesso persone diffidenti alle quali o ai quali da bambini i genitori, magari a fin di bene non si sentivano di dire la verità sul reale, oppure non sapevano raccontarlo adeguatamente.

Questi bambini che hanno scoperto qualche benevolo inganno da parte genitoriale, una volta divenuti adulti, temono che la medicina ufficiale non racconti loro tutta la verità, come in passato accadeva con la madre o il padre e sperano che esista una sorta di Oracolo di Deli.

Quando queste persone ingenue leggono il nucleo segreto di una dieta miracolosa rinforzata da prodotti chimici sconosciuti, sentono aprirsi tante porte che illudono e aprono alla speranza.

Alcune persone non solo non ottengono ciò che speravano, ma anche possono danneggiare l’organismo e un po’ anche la loro mente suggestionata.

Si pensi anche alla pubblicità di una certa televisione i cui spazi comperati vengono gestiti così come il venditore desidera per lanciare certi prodotti niente affatto convalidati e approvati dalla Commissione del Ministero della Sanità.

Inoltre quel che ti suggerisce un amico che ha appreso il beneficio di qualche prodotto magico, ha più potere di quel che ti dice un medico specialista in quel settore della medicina, per esempio una dietologa/o

Roberto Pani
Specialista e professore di Psicologia Clinica e Psicopatologia
Alma Mater Sudiorum Università di Bologna,
Psicoterapeuta e Psicoanalista
__________________________________________

E tu come la pensi? Scrivimi un commento o una domanda sull'articolo...

Rispondi