Problemi psicologici? Se curati, rafforzano il sistema psichico

Non tutto il male vien per nuocere! L’apparato psichico deve essere allenato per essere forte e plastico. Essere rigidi e voler ad ogni costo mantenere un equilibrio perfetta ingessa la personalità

Mi sembra sia possibile paragonare metaforicamente il sistema immunitario del nostro organismo con il sistema di funzionamento psichico.

Il sistema immunitario umano è un’accumulazione del sistema complesso di numerose parti funzionali.

La gammaglobuline o immunoglobuline sono proteine con particolare struttura che reagiscono a certi batteri, virus e persino tossine perché gli antigeni sono parte di globuli bianchi come i linfociti B, cioè anticorpi che inattivano gli antigeni batterici o virali rendendoli visibili per consentire la loro distruzione .

E’ il midollo osseo che contiene e crea i globuli rossi, i globuli bianchi, le piastrine e le cellule staminali che sono ancora abbastanza neutre e indifferenziate, in altre parole, capaci di adattarsi ai rinforzo di altre cellule per esempio gli stessi globuli bianchi predisposti alla difesa dell’organismo.

L’interferone poi è una citochina prodotta da varie cellule del nostro organismo, il cui compito è quello di creare segnali di attivazione tra le cellule.

La produzione dell’interferone induce una risposta immunitaria che previene la replicazione virale e stimola la produzione di cellule come i linfociti T aggressivi difensori dell’organismo. Si nascondono all’interno delle cellule, il loro compito è quello di identificare e distruggere le cellule infettate, poi sono attive e protettive le plasmacellule che vivono circa un mese nel nostro organismo.

Si considera che il nostro sistema immunitario per proteggersi a dovere dalle malattie virali, batteriche, allergiche e autoimmuni debba essere sufficientemente armonico e quindi forte, ma non troppo cioè statico, ingessato.

In altre parole, il nostro organismo ha bisogno di esprimersi usando tutte le sue funzioni difensive per raggiungere un’omeostasi, cioè un equilibrio dinamico in movimento e non tanto robusto e nemmeno statico. Non deve essere troppo inattivo, ma sempre flessibilmente cooperativo tra i suoi apparati. Se l’organismo si ammala di malattie semplici come contattato dal virus dell’influenza è costretto a difendersi e a funzionare a dovere per raggiungere la guarigione. Questo è bene! Se invece il sistema immunitario è molto forte, ma statico, ingessato può dar luogo a rischi quali le malattie allergiche o malattie autoimmuni.

Integratori alimentari dl tipo echinacea che rinforzano il sistema immunitario, se non ce ne è bisogno, possono creare indirettamente dei problemi all’organismo stesso.

E’ il medico specialmente l’alimentarista o il dietologo che possono comprendere le esagerazioni o i limiti della nostra debolezza

Insomma è bene che l’organismo interagisca con l’ambiente, anche se si spera che l’ambiente non sia troppo insano e infetto da procurare al corpo danni severi.

Si potrebbe dire che lo stress, l’ansia, un minimo di depressione, di piccole somatizzazioni problemi esistenziali non gravi, costringano il sistema psichico a trovare alternative anche con l’aiuto degli altri e o l’interazione con un professionista che stimoli il rinnovamento così come il nostro corpo è invitato dalle situazioni sociali a aggiornarsi, ad allargare le prospettive di vita i le posizioni e le prospettive di osservare il mondo.

Se siamo troppo perfezionisti, rischiamo di chiudersi in noi stessi, nel nostro narcisismo per stare troppo al sicuro, e rimanere dentro al guscio, senza mai rischiare esporci alle difficoltà. Se non rischi non rosichi – recita un antico proverbio – che tenta di contrastare la passività di vita.

Se non ci separiamo dalla chioccia simbolica saremo più deboli in futuro.

Essere forti non significa essere o diventare un monolite, né nel corpo, né nella mente, ma continua interazione e stimolo anche se in modo moderato.

 

Roberto Pani
Specialista e professore di Psicologia Clinica e Psicopatologia
Alma Mater Sudiorum Università di Bologna,
Psicoterapeuta e Psicoanalista
__________________________________________

E tu come la pensi? Scrivimi un commento o una domanda sull'articolo...

Rispondi