Malati di sesso

Quando in genere giovani uomini sono soggetti ad agire forti comportamenti sessuali e impulsi da un tempo di almeno sei mesi, sentono una mono-idea che li costringe a sottovalutare i rischi e danni che il comportamento include.

Ci sono persone che sia, attraverso masturbazioni compulsive, sia ricorrendo a prostitute, sia a donne desiderose di compiacere allo stesso modo il partner per i quali il consumo sessuale e giornalmente tanto alto quanto irrinunciabile.

Gli atti sessuali non sono connessi con droghe e stupefacenti.

Qualche volta certe persone non possono fare a meno di ricorrere allo stupro o comunque a molestie sessuali pesanti.

Non si curano delle conseguenze negative che possono procurare a se stessi o ad altri con il loro comportamento iper-sesuale.

Si tratta di una fissazione che deve prevalere su tutto ciò che in quel contesto accade.

Questo atteggiamento incontrollato secondo recenti ricerche duecento soggetti maschi compiute all’Università della California (UCLA) risulta l’indice della psicopatologia dei compulsivi sessuali.

Tali persone non possono mai rinunciare perché sono dipendenti e compulsivi.

La coscienza di esagerare attraversa la mente di queste persone euforizzate dal sesso, ma non è sufficiente a fermali. Diventa tra le prime ragioni di vita lo sfogarsi continuamente in tal modo.

Ci sono personaggi dello spettacolo che negli USA hanno dovuto curarsi in Cliniche specializzate con una lunga degenza ad hoc.

Purtroppo il bisogno urgente di fare sesso crea problemi quali  per esempio perdere il lavoro, fare vergognose figuracce e trovarsi in gravi crisi economiche nonché in situazioni di solitudine ed isolamento.

Ciò accade a molti uomini, circa il cinque per cento, raramente accade a donne meno dell’uno per cento e comunque in maniera diversa e meno pericolosa.

Perché?

Spesso questi uomini, alcuni dei quali possono essere anche anziani e che agiscono in tal caso in modo perverso perché sperimentano uno stato di impotenza, hanno subito molestie in famiglia o hanno assistito a molestie o hanno percepito uno stato di eccitazione convivendo con padri e madri molto erotizzate.

L’esperienza di compagni spesso bulli, può aver attivato una certa propensione di bisogno di eccitazione attraverso il sesso.

Sono persone che non trovano nella socialità un godimento, un divertimento, non hanno tante passioni, anche se sono brillanti rispetto al loro lavoro professionale.

Non dobbiamo dimenticare internet, quanto possa contribuire al sesso separato dai sentimenti !

I contatti con persone disposte ad aver rapporti sessuali sono numerosi per tutti i tipi di tutta la sessualità, al limite dell’indecenza, ammesso che oggi esista ancora.

Nei siti porno la erotomania è al massimo della perversione che, da un punto di vista clinico-sessuale, giustamente, tale non si considera più!

Quanto tutta questa disponibilità e ancora la stessa tecnologica si integra e si somma con certe prominenze sessuali che hanno origini antiche tra le più disparate ?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Roberto Pani
Specialista e professore di Psicologia Clinica e Psicopatologia
Alma Mater Sudiorum Università di Bologna,
Psicoterapeuta e Psicoanalista
__________________________________________

E tu come la pensi? Scrivimi un commento o una domanda sull'articolo...

Un commento

  1. Luciano

    Lei coglie un tratto di molte persone. Purtroppo però l’impotenza, specie se indotta da cause fisiche, non è un opinione e certo con l’età non migliora. Che fare allora quando non si ha più una partner per mantenere questa dipendenza, se così si può chiamare, ma io direi meglio attitudine, sotto controllo?

Rispondi