Parlar chiaro facilita il diventare leader di un grande gruppo

Da un punto di vista anatomico all’interno della laringe, sono presenti prima le false corde vocali e poi le corde vocali vere e proprie.

In sostanza noi usiamo prevalentemente due corde vocali, ma le due superiori che sono false, hanno una funzione protettiva verso le due inferiori, che sono quelle vere e che hanno la funzione fonatoria.

Tutte e quattro le corde vocali fanno la voce.

Una buona armonia delle corde vocali rendono una voce tanto chiara quanto piacevole.

Se poi chi parla esplica un pensiero coerente, autorevole, logico e propositivo è probabile che si avvicini alla posizione di leader.

La muscolatura laringo-faringea, se allenata, come nel caso di alcuni attori, dovrà adattarsi a una nuova impostazione vocale.

La voce impostata, la respirazione diaframmatica possono essere il risultato di un lungo processo di training teatrale o no.

Osserviamo che i processi inconsci del nostro mondo interiore costituiti da vari personaggi introiettati emozionalmente, grazie alle varie identificazioni introiettive, intrecciate tra loro, genera la nostra personalità. (La mente è indiscutibilmente gruppale).

Inoltre la nostra voce si costruisce in relazione alla nostra cultura e appunto alla nostra personalità. Alcune persone grazie a una particolare respirazione dovuta ai movimenti del diaframma si esprimono con una voce naturale che inconsciamente viene emessa in modo impostato senza avere mai ricevuto alcun training teatrale sul piano vocale.

Sia coloro che hanno avuto un training di fonazione, sia chi è naturalmente predisposto vocalmente, avendo anche le idee chiare, ha buone probabilità di suggestionare un vasto pubblico di ascoltatori.

Gli attori di teatro e presentatori sono i primi, e naturalmente i cantanti sia di musica classica che leggera.

I politici a volte sono molto abili a sfruttare tali virtù vocali.

La storia è piena di abili manipolatori e seduttori che hanno conquistato i loro popoli.

Con ciò non voglio certo affermare che i seduttori dalla bella oratoria siano manipolatori, solo che questo può avvenire.

Alcuni venditori televisivi hanno un grande successo e alcuni debbono alla loro voce imbrogli remunerativi.

I professori e insegnanti di vario livello invece debbono alla loro voce successo nelle loro lezioni o insegnamenti tanto da aver giovato alla cultura più che mai.

Ricordo nei miei studi scolastici e universitari che alcuni insegnanti hanno comunicato tanto bene quel che potevano trasmettere, che ancor oggi non ho dimenticato dalle scuole elementari molti insegnamenti, grazie al modo perfetto con il quale i messaggi culturali mi sono giunti tramite concetti ben espressi e la voce che enfatizzava ciò che era importante.

La voce chiara è essa stessa potere. Esprimersi parlando chiaro è una virtù non trascurabile.

A volte comunque non è sempre sufficiente essere chiari e logici, avere una voce suadente.

In certi casi per aver successo è più importante non essere artificiosi, magari unendo alle virtù precedentemente descritte l’apparire convincenti.

Per convincere occorre scomodare forti emozioni per attrarre il pubblico su ciò che ci interessa, muovere, anche in noi che promulghiamo messaggi, le nostre emozioni diventando passionali.

Lo sanno bene coloro che parlano in TV o alla radio.

Alcune presentatrici e presentatori guardano le telecamere muovendo gli occhi da una parte all’altra come per dire: mi rivolgo anche a te nell’angolo perché ti sto vedendo!

Sorridono quasi sempre, mai drammatizzano troppo, sono sciolti divincolati, come se fossero appena usciti da una lezione di yoga.

Certo che anche la bellezza estetica del corpo ha un minimo di parte, ma non deve essere troppo, altrimenti non si ascolta ciò che l’emittente-persona vuole dire!

Diciamo che un volto interessante ha più successo.

Non piace il grigio, essere scialbi, usare terminologie difficili, contorte, viziate, pensieri troppo lunghi ma piace, il colore in tutto.

Essere consapevoli intanto di questo, potrebbe indurci a modificare quando siamo in presenza di gente a cui comunicare ciò che desideriamo.

Roberto Pani
Specialista e professore di Psicologia Clinica e Psicopatologia
Alma Mater Sudiorum Università di Bologna,
Psicoterapeuta e Psicoanalista
__________________________________________

E tu come la pensi? Scrivimi un commento o una domanda sull'articolo...

Rispondi